Loading...

Avanti e Indrè: testo e video

Dopo averci raccontato la storia della Nascita della Canzone Avanti e Indrè, la Borghetti Bugaron Band pubblica nel proprio Blog testo e video di quella che ormai per tradizione è la Canzone Ufficiale del Carnevale Fanese.

VIDEO

TESTO IN DIALETTO FANESE

Tuti machì in ste caruson, in sta glupa tonda che a la fin è el mond
a fatighè, a smagunè, sensa sapé che sin na fila d’ bua ch’ha da caminè per armediè
l’afit, el gas, el celulèr, utumobil, giubutin, èria cundisiunèta, dvd, le schèrp per chi fiulin

Ste gir de quadrin, che gonfièn un sistema che ce tirarà giù per ‘na scarpèta
Ij me ferm in ste viel, camin cost le mura e pu… boc dentra al Carnevèl

Rit.

E alora avanti Pacasoni coi carri e ta ta ta
e vedrei té quant è bela la libertà, a gì avanti e indrè su per sta sfilèta
sensa pensier de dietra che rompen j stivèi

E alora avanti Pacasoni coi carri e ta ta ta
e vedrei té quant è bela la libertà
che nò og dupran tuta sta alegria che dà un con d’energia
per cumbata e campè

Cost a sti mur ch’han fat i ruman,
arvien in ment le guer ch’han fat in sti mièra d’an,
che bagn de sangu,
che pu c’è anca ades e la pora gent tel mes a cumbata…
tra delinquent e inucent, tra car armèt e trator, tra carusin e carusel
…e caruson da mort

Me vien un magon ch’adè vag vers el Pincio e pu
…boc dentra al carnevèl

Rit.

E maquasù dal Pincio veg el viel, la gent, el get, i car, le mascherèt e la “Musica Arabica” che è malagiù in fond, chisà che da machì én pèrt la riscosa del mond

Rit.

TESTO TRADOTTO IN ITALIANO

Tutti qui, nel carrozzone, nel fagotto tondo che alla fine è il mondo
a dannarsi a faticare senza sapere che siamo solo bestie che devon camminare
per rimediare affitto, gas e cellulare, macchina e giubbottino, aria condizionata, dvd, le scarpe del bambino

Questo giro di quattrini che gonfia un sistema che ci tirerà giù per una scarpata
Io prendo questo viale, vado per le mura e poi entro nel Carnevale

Rit. E allora avanti Pacassoni coi carri e tatatà
e vedrai te quant’è bella la libertà
Andare avanti e indietro per questa sfilata
senza pensieri dietro che rompono gli stivali

Lungo le mura che hanno fatto i romani,
tornano in mente guerre che han fatto in migliaia di anni,
che bagno di sangue, che poi c’è anche adesso e la povera gente in mezzo a combattere
tra delinquenti e innocenti, tra carri armati e trattori, tra carrozzine, carrozzelle
…e carrozzoni da morto

Mi viene un magone che adesso vado al Pincio e poi… entro nel Carnevale

Rit.

E quassù dal Pincio vedo il viale, la gente, il getto,
i carri, le mascherate, la “Musica Arabita” che è laggiù in fondo,
chissà che da qui non parta la riscossa del mondo

Rit.

By | 2017-04-28T23:19:03+00:00 febbraio 18th, 2017|Categories: Carnevale di fano, Tradizioni e Tipicità|Tags: , , |0 Comments

Leave A Comment